prenota_spazio
prenota_spazio

Anno 6°

giovedì, 17 gennaio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : ho lasciato la mia terra perché

Ho lasciato la mia terrà perché...

domenica, 23 dicembre 2018, 11:49

Care lettrici e cari lettori, vi invitiamo a guardare il trailer del docufilm “Italia addio, non tornerò”, prodotto dalla Fondazione Paolo Cresci per la storia dell’emigrazione italiana e realizzato dalla nostra collaboratrice Barbara Pavarotti.  Lo trovate in alto a destra nella home e in questo articolo. Dura pochi minuti, ma il filmato integrale ne dura 50 ed è la raccolta video più completa  realizzata finora di testimonianze dei nostri giovani emigranti e delle tematiche correlate a questa nuova massiccia emigrazione italiana. Dopo l’anteprima a Lucca di fine ottobre, dove tantissime persone del pubblico si sono riconosciute nelle dichiarazioni dei giovani intervistati,  il docufilm è stato presentato in anteprima europea all’ambasciata italiana a Madrid e nei prossimi mesi verrà proiettato nelle varie città estere dove risiedono i ragazzi che hanno raccontato alla Fondazione la loro vita di espatriati e le loro storie. La presentazione ufficiale sarà a Roma, alla Camera, a febbraio, poi a Milano.  Recentemente alcuni spezzoni del documentario sono stati trasmessi da Raiuno, all’interno del programma Unomattina, e a gennaio se ne parlerà su La7 e in altri programmi televisivi nazionali.

Il tema è troppo importante. L’Italia si sta spopolando di giovani. Ogni anno partono per varie destinazioni estere circa 300 mila italiani. Siamo tornati ai livelli del dopoguerra. Lo sapete che, nell’ultimo decennio, siamo saliti all’ottavo posto nel mondo come paese di emigrazione? I giovani, qui come altrove, hanno scarsissime possibilità di inserimento lavorativo. Sono liberi di partire, ma troppi, tantissimi, non sono più liberi di restare.

Perché vi chiediamo di vedere questo trailer? Perché ci piacerebbe ricevere, via mail, le vostre testimonianze. Di chi è partito, con gioia o con fatica,  e di chi è restato, con grande difficoltà e spesso senza trovare un lavoro adeguato alle proprie capacità. Verranno pubblicate sulla Gazzetta e forse, chissà, in futuro raccolte in un libro dedicato alla nuova emigrazione italiana.

Per la realizzazione di “Italia addio, non tornerò”, la Fondazione Cresci è entrata in contatto con circa 350 mila persone attraverso 70 gruppi di “Italiani nel mondo”. Ha ricevuto una marea di richieste di partecipazione al progetto, il lavoro è durato due anni e il campione è risultato significativo. Ci piacerebbe continuare a raccogliere esperienze, dalla provincia di Lucca tramite le pagine della Gazzetta. Chi di voi non ha un figlio, un parente, un amico che ha deciso di lasciare il proprio paese di origine per necessità, o per passione, per scelta, per curiosità e voglia di sperimentare? Vi aspettiamo, scriveteci le vostre storie e scriveteci anche dall’estero, dove la Gazzetta è ormai per molti un utilissimo canale per rimanere legati alle notizie della propria terra.

La nostra mail è redazione@lagazzettadiviareggio.it oggetto e-mail: ho lasciato la mia terra.

 

Video Ho lasciato la mia terrà perché...


Questo articolo è stato letto volte.


il Panda


Prenota questo spazio!


prenota_spazio


prenota_spazio


Altri articoli in Rubriche


martedì, 8 gennaio 2019, 17:37

Strage di Erba, il valzer delle confessioni

Terza puntata del nostro viaggio all'interno della strage di Erba: sono circa le 20 dell'11 dicembre 2006 quando, di rientro da lavoro, Raffaella, la madre Paola e Youssef rientrano a casa e, secondo condivisa ricostruzione dei fatti, vengono immediatamente aggrediti


sabato, 5 gennaio 2019, 08:41

"Grazie al reparto di cardiologia dell'Ospedale Versilia per l'assistenza a mio padre"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di ringraziamento, inviataci dall'avvocato Nicola Moschetti, rivolta al Reparto di Cardiologia dell’Ospedale Versilia per l’assistenza resa a suo padre, Carlo Moschetti, purtroppo mancato qualche mese fa


Prenota questo spazio!


giovedì, 3 gennaio 2019, 20:01

Strage di Erba, il mistero continua

Dopo dieci mesi di lavoro certosino, il reparto di investigazioni scientifiche non è riuscito a rintracciare sulla scena del crimine alcun elemento riconducibile ai coniugi Romano. Nessuna traccia di sangue è stata trovata a casa di Olindo e Rosa


lunedì, 24 dicembre 2018, 10:12

"Lettera aperta alla Croce Verde di Pietrasanta, la più antica pubblica assistenza d'Italia"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera aperta alla Croce Verde di Pietrasanta, in occasione delle feste di Natale, da parte del collega giornalista Giuliano Rebechi


giovedì, 20 dicembre 2018, 19:54

"Strage di Erba, Olindo e Rosa sono innocenti"

Se anche voi avete sposato la tesi dell'opinione pubblica, vi farò cambiare idea attraverso una chirurgica (e tecnica) ricostruzione di quanto accaduto ad Erba quell'11 dicembre del 2006. Dopo 12 anni dalla sera della mattanza, il guardasigilli Alfonso Bonafede ha disposto un'ispezione ministeriale sulla vicenda: gli atti della procura di...


martedì, 18 dicembre 2018, 19:10

Calcio insostenibile, il confronto irragionevole tra la Serie A e le altre leghe

In Serie C la Toscana è ben rappresentata, con ben 7 compagini che frequentano la terza divisione italiana: Arezzo, Carrarese, Lucchese, Pisa, Pistoiese, Pontedera, Robur Siena. Purtroppo il campionato è stato funestato dal caos che c'è stato in Serie B, susseguente ai fallimenti di Avellino, Cesena e Bari


Ricerca nel sito


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!