Anno 6°

mercoledì, 8 aprile 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : sulla scena del delitto

Non c'è pace per Emanuela Orlandi

sabato, 1 dicembre 2018, 14:36

di anna vagli

È il 30 ottobre quando dai pavimenti della Sede della Nunziatura Apostolica di via Po, a Roma, riaffiorano improvvisamente resti ossei. Il collegamento ad Emanuela Orlandi è stato quasi inevitabile. È però di una settimana fa la notizia le ossa rinvenute non sono della quindicenne scomparsa nella capitale nel 1983. Apparterrebbero infatti ad un soggetto di sesso maschile ed avrebbero più di cinquant'anni, secondo quanto statuito dalle analisi effettuate.

Per 35 anni sono molti gli interrogativi rimasti senza risposta: Che fine ha fatto Emanuela Orlandi? Chi l'ha sequestrata? Chi e perché l'ha uccisa? Come mai tutte le indagini aperte in questo lungo trentennio sono state osteggiate con qualsiasi mezzo?

Per capirne qualcosa di più ripercorriamo insieme la vicenda.

È il 22 giugno 1983 quando, a Roma, scompare Emanuela Orlandi. Appena quindicenne, cittadina vaticana e figlia di un commesso della Prefettura della Casa Pontificia, esce dalla scuola di musica Tommaso Ludovico da Victoria in Piazza Sant'Apollinare e chiama la sorella comunicandole di aver ricevuto un'offerta di lavoro come promotrice di cosmetici. Quella è stata l'ultima volta che la famiglia ha sentito la sua voce.

Sempre in base alla testimonianza di un'amica, Emanuela il giorno stesso avrebbe incontrato l'uomo che le aveva offerto il lavoro.

Se in un primo momento si era pensato ad un tipico episodio di ribellione adolescenziale, il caso Orlandi è divenuto ben presto un'ingarbugliata crime story in salsa vaticana.

Le principali piste seguite in questo lungo arco temporale hanno coinvolto lo Stato Vaticano, l'Istituto per le Opere di Religione (Ior) e la Banda della Magliana.

Anomalia rimasta negli anni non chiarita è stato l'appello ai rapitori fatto da Papa Woytila dopo l'Angelus del 3 luglio dell'83. Peccato che nessuno fino a quel momento aveva parlato di rapimento. Mai furono date spiegazioni in proposito.

Tra appelli e indagini conclusesi con un niente di fatto, nel luglio del 2005 al programma Chi l'ha visto? arriva una telefonata anonima: “… Per trovare la soluzione del caso, andate a vedere chi è sepolto nella cripta della Basilica di Sant’Apollinare e del favore che Renatino fece al cardinal Poletti, all’epoca".

Enrico de Pedis, detto Renatino, è stato il presunto cassiere della Banda della Magliana, ucciso da un incensurato e amico di Monsignor Piero Vergari, rettore della Basilica Sant'Apollinare.

La telefonata anonima ha riecheggiato negli studi Rai nel 2005. Gli agenti della scientifica sono scesi nei sotterranei della Basilica solo il 14 maggio del 2012. Ben sette anni dopo. Nel 2008 arriva un'altra testimonianza importante. A parlare è Sabrina Minardi, ex amante di Renatino e collaboratrice di giustizia: a rapire Emanuela sarebbe stata la banda della Magliana dietro richiesta di Paul Marcinkus, all'epoca dei fatti Presidente dello Ior.

Nella cripta della Basilica emergono resti e vestiti proprio di Enrico De Pedis. La soluzione suggerita dalla Minardi sembra trovare riscontro. La polizia continua a scavare nei sotterranei ipotizzando che il cadavere di Emanuela possa celarsi tra quelle mura. Il lavoro della scientifica dura settimane. Gli agenti hanno scandagliato tutta la basilica scoprendo locali che neppure erano stati mappati nelle cartine catastali.

In tutto vengono rinvenute 409 cassette contenenti 52.188 ossa e un sacco nero con resti umani murati nel locale davanti alla tomba del boss della banda della Magliana. Il lavoro certosino compiuto dagli agenti nel laboratorio improvvisato sotto la Basilica conduce ad un nulla di fatto. Ma se quelle ossa non sono di Emanuela Orlandi, a chi appartengono? Signori miei, anche in questo caso, è calato il silenzio.

Ma perché il presunto cassiere della Banda della Magliana era sepolto in Sant'Apollinare? Che cosa lo legava al caso Orlandi? E perché la Minardi ha smesso di collaborare con gli inquirenti? Ha avuto paura?

Forse di crime story in salsa vaticana ce n'è più di una. Forse sulla scomparsa di Emanuela Orlandi non sapremo mai la verità.

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


il Panda

tuscania

prenota_spazio

prenota_spazio


Altri articoli in Rubriche


martedì, 7 aprile 2020, 14:02

La guida definitiva a WebTrader per i principianti

WebTrader è tra le piattaforme di trading più popolari e più utilizzate. Ha un'interfaccia perfetta per gli investitori principianti ed è personalizzabile, permettendoti di progettare un ambiente di lavoro perfetto per le tue esigenze


martedì, 7 aprile 2020, 12:43

Iniziativa torta solidale

Siamo entrati nella settimana santa, preludio della Pasqua, e di norma nelle vetrine delle pasticcerie e dei forni, farebbero bella figura i dolci della tradizione: purtroppo oggi, come ben sappiamo non è così


Prenota questo spazio!


domenica, 5 aprile 2020, 18:03

Quando il virus non ha bisogno di bussare alla porta: muore strangolata dal fidanzato

Esistono case che sembrano studiate per rappresentare il palcoscenico della storia, di una storia. Ed esistono storie che iniziano da una fine come quella di Lorena Quaranta. Vittima di un virus che, nel suo caso, non ha avuto nemmeno la necessità di bussare alla porta ma si è palesato nelle...


sabato, 4 aprile 2020, 15:38

Miracolo (Sea) ai sindacati: "Donate ai comuni un anno intero degli importi versati dai vostri iscritti"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera aperta a tutti i sindacati scritta dal presidente di Sea Ambiente Spa, avvocato Fabrizio Miracolo


sabato, 4 aprile 2020, 14:48

"Covid-19, non interrompere le manutenzioni ordinarie"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di Barbara Leonardi indirizzata ai sindaci dei comuni della Versilia nella quale cerca di portare alla loro attenzione l'attività codice ATECO 8130


sabato, 4 aprile 2020, 11:12

Quando le sfide culinarie rubano la scena agli sport di alto livello

Lo sport appassiona sicuramente tantissime persone in tutto il mondo, ma sta prendendo sempre più piede la cucina tv e anche a casa. Le sfide culinarie potrebbero rubare la scena agli sportivi di tutto il mondo


Ricerca nel sito


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!