prenota_spazio
prenota_spazio

Anno 6°

martedì, 18 giugno 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : sulla scena del crimine

Luci ed ombre sulla morte di Sissy Trovato

martedì, 12 febbraio 2019, 20:15

di anna vagli

È il 1 novembre del 2016 quando alle 11 del mattino Maria Teresa ‘Sissy’ Trovato Mazza, agente della penitenziaria, si reca nel reparto di ginecologia dell’Ospedale Civile di Venezia per fare visita ad una detenuta ricoverata. Dopo aver scambiato qualche parola con la neomamma si dirige verso l’ascensore del piano terra verosimilmente in attesa di qualcosa o di qualcuno. Poi il vuoto. Parte un colpo dalla sua arma di ordinanza e sarà sufficiente un solo proiettile per trapassarle il cranio. Trasportata in ospedale, la diagnosi dei medici non lascia scampo: Sissy non ce la farà. La donna resta infatti in coma vegetativo per poco più di due anni.

Passa qualche ora ed inizia a circolare la notizia del tentato suicidio della giovane agente della penitenziaria. I genitori di Sissy però non ci stanno. La loro figlia non avrebbe avuto alcun motivo per togliersi la vita: fresca di fidanzamento, studiava per continuare la sua carriera all’interno dell’arma ed era entrata in quell’ospedale con l’allegria e il buonumore che l’hanno sempre contraddistinta.

Si viene così a sapere che Sissy aveva intrapreso da tempo una lotta per i diritti delle detenute nel carcere dove si trovava in servizio. In tale direzione aveva denunciato ai suoi superiori le attività di spaccio di stupefacenti e in generale alcuni comportamenti illeciti delle colleghe attraverso una raccolta delle segnalazioni di alcune detenute. Le denunce della coraggiosa Sissy non avevano però trovato alcun seguito e, anzi, le erano costate una serie di rapporti disciplinari.

Qualcosa quindi nella ricostruzione della Procura – che vuole archiviare frettolosamente – non convince e la pista del suicidio comincia a lasciar spazio all’ipotesi di omicidio volontario. Perché sulla pistola utilizzata da Sissy non è stato isolato alcun profilo genetico? Come è possibile che non sia stato rinvenuto neppure il suo? Qualcuno ha ripulito l’arma? Le foto mostrate dalla famiglia dell’agente Trovato evidenziano come, nell’immediatezza dei fatti, le sue mani fossero gonfie e tumefatte. Forse l’esplosione del colpo di pistola è stato preceduto da una colluttazione?

E perché le telecamere di sorveglianza dell’ospedale mostrano che Sissy aveva con sé il cellulare e poi questo verrà ritrovato nel suo armadietto? Perché tanta fretta del Pubblico Ministero nell’archiviare il caso? Forse perché con la questione degli stupefacenti era diventata scomoda?

La giovane agente di Gioia Tauro si è spenta lo scorso 13 gennaio. Nel frattempo le indagini sulla sua morte sono state prorogate di altri sei mesi grazie all’intervento del Ministro della Giustizia Bonafede che ha chiesto di far luce sulle ombre che ancora avvolgono l’intera vicenda.

Verità e Giustizia per Sissy perché come diceva Voltaire “Ai vivi si devono dei ricordi, ai morti si deve soltanto la verità”..


Questo articolo è stato letto volte.


il Panda


Prenota questo spazio!


prenota_spazio


prenota_spazio


Altri articoli in Rubriche


lunedì, 17 giugno 2019, 16:42

Parla Riccardo Casamassima, teste chiave per il "Cucchi bis": "Io lasciato solo dallo Stato!"

Era giunto il momento di parlare: sulla morte di Cucchi colleghi e superiori sapevano di più di quanto avessero dichiarato. Lui è Riccardo Casamassima, l'appuntato scelto che si è rivolto al P.M. Giovanni Musarò e ha fatto mettere nero su bianco quanto appreso nella Caserma dei Carabinieri nei concitati momenti...


lunedì, 17 giugno 2019, 09:15

Giornata mondiale per la lotta alla desertificazione e la siccità: una riflessione del coordinamento docenti

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa riflessione della professoressa Veronica Radici del Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani in occasione della 25^ Giornata mondiale per la lotta alla desertificazione e la siccità


Prenota questo spazio!


lunedì, 3 giugno 2019, 15:52

Tra coperture ed insabbiamenti: la morte di Stefano Cucchi

#POSSIAMOAIUTARVI è l'hashtag scelto quest'anno dall'Arma dei Carabinieri per festeggiare il 2019 e per celebrare il duecentocinquesimo anno al servizio della tutela dei cittadini, dell'ambiente e della pubblica sicurezza. "A papà, me pari un marziano". È il commento esilarante che Alberto Sordi, alias Otello Celletti, protagonista di uno dei suoi film,...


mercoledì, 29 maggio 2019, 17:10

Gli italiani amano divertirsi online: ecco i tre giochi più amati

Gli italiani sono grandi amanti del gioco online: non solo sullo smartphone, ma anche da tablet e pc, i nostri conterranei amano rilassarsi dopo una lunga giornata di lavoro sui siti di intrattenimento e divertimento


martedì, 28 maggio 2019, 20:46

Guidi: "Ringrazio tutte le persone che ci hanno dato la loro fiducia"

Riceviamo e pubblichiamo questo intervento inviato dal candidato a sindaco del comune di Stazzema Amerigo Guidi


martedì, 28 maggio 2019, 18:05

La vendita delle game console è influenzata dal valore delle valute?

La forza o la debolezza di una valuta fiat può significare il successo o la rovina di una azienda e addirittura dell’intera economia di un Paese


Ricerca nel sito


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!