prenota_spazio
prenota_spazio

Anno 6°

domenica, 21 aprile 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : lettere alla gazzetta

Politici in 'passerella' alla Versiliana, Pellati: "I giornalisti sono liberi di intervistare senza alcun condizionamento"

sabato, 23 marzo 2019, 18:53

di francesco pellati

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera inviataci da Francesco Pellati, ex coordinatore regionale della Lega e vice presidente della Fondazione Versiliana, sulle presunte 'passerelle' dei politici nell'estate versiliese:

Egregio direttore, 

leggo il tuo articolo sulla Versiliana che ha un duplice contenuto: la ipotetica “concorrenza” che perverrebbe dalla Nuova Bussola e la tua perplessità circa il modello di “intrattenimento” che il Caffè della Versiliana riserva ai protagonisti della politica nazionale quando li ospita in estate.

La Versiliana, come ben sai, è una Fondazione pietrasantina che ha finalità di cultura e di sviluppo del territorio. Ne sono da anni il vicepresidente e quindi ne condivido con piena responsabilità ogni azione e ogni metodo.

Circa il primo punto me la sbrigo rapidamente: ben venga una nuova iniziativa che allarghi l’interesse degli “utenti” italiani e stranieri per la Versilia e che stimoli la Versiliana a fare meglio il suo lavoro. Dunque: benvenuta Bussola.

Circa il secondo punto ho bisogno di qualche riga in più: nella settimana ferragostana anche la politica va in ferie e le parole del “grosso calibro” politico ospite del Caffè della Versiliana sono le uniche notizie politiche del periodo: sei un acuto osservatore e avrai notato che durante l’intera settimana di ferragosto tutti i telegiornali nazionali e le più importanti testate dei quotidiani (con successive ricadute su settimanali e mensili) aprono con l’insegna della Versiliana. Questo è uno dei compiti essenziali della Versiliana: la promozione del territorio e della sua immagine.

La Versiliana invita ed ospita i politici che invece sono intervistati da giornalisti del tutto liberi di gestire l’intervista, senza veline o interferenze da parte della Versiliana che rigorosamente se ne astiene.

Dipende dunque dal giornalista intervistatore fare domande più o meno puntute all’intervistato, certo non dalla Versiliana.

E infine c’è un giudice di ultimo grado: il pubblico, che ha piena libertà di intervento e usa sempre tale libertà, a volte anche in modo pittoresco: qualche tifo da stadio, qualche pernacchia, sempre domande a ruota libera e senza controllo meno che mai quello preventivo che sarebbe del resto impossibile.

Invito anche te a farne parte garantendoti la più assoluta libertà di porre anche le più scomode delle domande al politico di turno. Ne trarrà beneficio il contenuto dell’incontro e forse a tua volta trarrai altre conclusioni circa l’indipendenza della Versiliana, la sua allergia ai pensieri unici, la sua disponibilità a dare voce a partigianerie e a dissensi: nel caso in esame la Versiliana è un contenitore non è un attore neanche deuteragonista.

Ti aspetto questa estate “nel fresco della pineta versiliese” e ti prometto libertà e un te ghiacciato.

Le mie consuete vive cordialità.

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


il Panda


Prenota questo spazio!


prenota_spazio


prenota_spazio


Altri articoli in Rubriche


venerdì, 19 aprile 2019, 17:56

Roulette online: esistono metodi e trucchi per vincere?

La roulette è uno dei giochi più apprezzati dei casinò telematici. Sono migliaia i giocatori che si connettono ogni giorno per giocare insieme ad altri nelle sale live e per provare a vincere dei soldi veri giocando online in uno dei casinò telematici autorizzati in Italia


martedì, 16 aprile 2019, 17:02

Gli occhiali del giurista: profili di responsabilità di Antonio Ciontoli

Marco Vannini è stato strappato alla vita a soli vent'anni, lasciato morire vittima dei suoi stessi lamenti, nella casa di chi doveva amarlo. Credo che nessuno dimenticherà le sue urla quella maledetta sera del 17 maggio 2015.


Prenota questo spazio!


martedì, 9 aprile 2019, 23:12

L'omicidio di Marco Vannini, ricostruzione fattuale e relativi profili di responsabilità

Il 17 maggio 2015 in una villetta di Ladispoli si consumava uno dei più cruenti e dibattuti delitti degli ultimi anni, l'omicidio di Marco Vannini. Marco Vannini, vent'anni, si trovava a casa della fidanzata Martina Ciontoli per passare la notte da lei.


domenica, 7 aprile 2019, 11:35

Marco Vannini: la sentenza di secondo grado è quella corretta

Dopo queste settimane di silenzio, torno a scrivervi. Sono stati giorni intensi, nei quali ho approfonditamente studiato ogni sfaccettatura dell'omicidio di Marco Vannini. Mi addentrerò in ogni dettaglio del caso, cercando di mettervi un paio d'occhiali: quelli del giurista


mercoledì, 27 marzo 2019, 08:41

"Torneranno balneabili le acque del Massaciuccoli?"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo queste riflessioni dell'architetto Pier Luigi Bianchi in merito alla gestione e al risanamento delle acque del bacino del Massaciuccoli


martedì, 19 marzo 2019, 19:34

Neoplasie a Massarosa, perché?

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera inviataci a proposito dell'alta incidenza di malattie tumorali in Versilia e, in particolare, nel territorio del comune di Massarosa


Ricerca nel sito


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!