prenota_spazio
prenota_spazio

Anno 6°

sabato, 24 agosto 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : lettere alla gazzetta

Baldino Stagi: "Notizie inattendibili sulla TV di stato"

martedì, 13 agosto 2019, 16:52

di baldino stagi

Riceviamo e pubblichiamo lettera di Baldino Stagi registrata al protocollo indirizzata al sindaco ed agli amministratori del comune di Stazzema in merito al 75° anniversario della strage di Sant'Anna di Stazzema

 

Egregio dott. Verona,

mi è capitato di vedere l’intervista che ha rilasciato negli studi del TGR sul canale RAI 3 il giorno 10 agosto u.s. e da questa predo l’occasione per ribadire come lei continui a denunciare accadimenti a noi distanti mostrando invece un disinteresse “di comodo” su quanto succede nel nostro comune e che quindi la riguarda direttamente, come già ho avuto modo di segnalare con la mia protocollata la n. 5955 del 06.08.2019.

Voglio anche ribadire, per l’ennesima volta, come alcuni anni fa, proprio il 12 agosto, lei abbia voluto stringere un patto di amicizia con il comune di Pescia o, per meglio dire, con il sindaco Oreste Giurlani, personaggio assai discusso con una fama che certo non porta lustro alla onorabilità del Parco della Pace ed alla medaglia d’Oro che fregia il nostro vessillo di cui lei è custode.

Rimarco il fatto che mentre il consiglio comunale ha potuto approvare con una votazione il nuovo gemellaggio che oggi stringerà con il comune di Moers, lei non ha mai voluto portare in discussione nell’assemblea consiliare il patto di amicizia con Pescia e, checché se ne possa dire, questo dimostra come certe decisioni vengano prese nel disprezzo di quella democrazia e quella trasparenza tanto decantate quanto ignorate.   

Gli stazzemesi si sono forse assuefatti a questi suoi modi per cui non riescono a notare le incongruenze fra quanto dichiarato e quanto realizzato, da parte mia continuerò a chiedere che il patto di amicizia con Giurlani venga sciolto in quanto gravemente nocivo alla reputazione del nostro Municipio. Mi meraviglia, fra l’altro, che i suoi collaboratori continuino a voler ignorare questa situazione quantomeno imbarazzante. 

Ma vengo infine alle dichiarazioni che lei ha rilasciato sulla rete televisiva nazionale affermando che il numero delle vittime dell’eccidio perpetrato a Sant’Anna sarebbe di “oltre 560”.  Dovrebbe sapere, egregio sindaco, che tale cifra non corrisponde al numero reale, possiamo citare al riguardo la sentenza del Tribunale Militare di La Spezia dove si parla di 393 vittime.

L’indagine effettuata dal professor Paolo Pezzino e pubblicata sull’Atlante delle stragi nazifasciste, riporta il numero di 394 includendo anche il nominativo di Pardini Maria, di 16 anni, deceduta un mese e mezzo dopo gli accadimenti.  

Tutti coloro che si sono dedicati allo studio di quei tragici eventi, concordano su fatto che il numero delle vittime non può essere di 560, fra questi cito Giuseppe Vezzoni che ha dedicato molto del suo impegno allo studio ed alla ricerca storica di quegli avvenimenti e, se non ricordo male, anche Giorgio Giannelli.

Detto ciò, possiamo ritenere che continuare a diffondere dati palesemente inesatti su una vicenda di questa importanza, con una risonanza internazionale, sia sbagliato nei confronti di coloro che vogliono informarsi sui fatti e che hanno diritto di conoscere la verità, che si tratti di semplici cittadini o rappresentanti delle Istituzioni, nazionali ed estere.

A questo si somma la pessima figura che facciamo con coloro che vogliono andare ad informarsi sui siti ufficiali trovando notizie in netto contrasto con quanto gli amministratori vanno dichiarando.

Ritengo sia mio preciso dovere farle notare, sig. Sindaco, che non si può riferirsi con leggerezza alla tanto menzionata “Memoria”: questo è un concetto che, per definizione, implica la massima aderenza ai fatti. Vero è che non potremo mai sapere con esattezza cosa accadde e quanti furono le persone trucidate quel giorno di 75 anni fa, ma il dovere di ognuno, e suo in particolare, è quello di tramandare le notizie che più aderiscono alla Verità. 

Riceva i miei saluti

Baldino Stagi


Questo articolo è stato letto volte.


il Panda


Prenota questo spazio!


prenota_spazio


prenota_spazio


Altri articoli in Rubriche


mercoledì, 21 agosto 2019, 15:22

Oltre il circo mediatico, vi spiego perché Bossetti ha ucciso Yara Gambirasio

Ogni volta che si prova a ricordare la piccola Yara, i suoi sogni nel cassetto, la ginnastica ritmica e le modalità con le quali è stata strappata alla vita, schiere di commentatori da tastiera animano spietatamente il Bossetti Party


sabato, 17 agosto 2019, 10:16

Din Don Dan: l'omicidio di Don Pilade Niccoletti

Esattamente un anno fa, il 17 agosto 2018, iniziava la mia collaborazione con le Gazzette. Inauguravo la mia rubrica, Sulla Scena del Crimine, parlando di un cold case che ha coinvolto il nostro territorio e che è rimasto nell'ombra per oltre un trentennio: l'omicidio di Don Pilade Niccoletti


Prenota questo spazio!


giovedì, 15 agosto 2019, 06:49

Miss Grand Prix e Mister in arrivo a Marina di Pietrasanta

Da sempre la Toscana è ammirata per la sua ricchezza artistica e culturale, i paesaggi mozzafiato che ospitano molte star di Hollywood e fanno da sfondo a pellicole di livello internazionale. Ma anche per il saper vivere, la movida adatta ad ogni borsellino e per essere una fucina di femminile...


mercoledì, 14 agosto 2019, 13:17

A che gioco stai giocando Amanda Knox?

Ce lo siamo chiesti tutti o quasi. Insomma, si dice sempre l'importante è che se ne parli, e Foxy Knoxy sembra aver fatto propria questa filosofia di vita. Dopo essere diventata multimilionaria grazie al faraonico contratto firmato per scrivere un libro di memorie, la ragazza di Seattle non perde mai...


sabato, 10 agosto 2019, 09:32

L'omicidio di Yara Gambirasio e l'ennesimo colpo di scena: dopo anni ho deciso di dire la mia

Solitamente quando scrivo un articolo cerco di rimanere il più distaccata possibile, utilizzando il sarcasmo giusto, al momento giusto e soprattutto quando voglio far arrivare un messaggio che, apertis verbis, potrebbe essere di per sé pericoloso


mercoledì, 7 agosto 2019, 17:18

29 anni fa, Simonetta Cesaroni. Un delitto ancora senza colpevole

Il giallo di Via Poma rappresenta uno dei più famosi "cold case" del nostro Paese. Ed oggi, nel ventinovesimo anniversario di quell'atroce omicidio, mi è parso doveroso ricordare la storia di una ragazza strappata alla vita troppo presto, quando era solo poco più che ventenne


Ricerca nel sito


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!