Anno 6°

giovedì, 6 agosto 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche

Coronavirus, tutto quello che (forse) non sappiamo

lunedì, 24 febbraio 2020, 14:40

di anna vagli

È qualche giorno che rifletto se dedicare un numero della mia rubrica a quella che ormai è divenuta una vera e propria emergenza nazionale. Ci ho riflettuto perché io per prima volevo convincermi che la questione si sarebbe risolta celermente e nel migliore dei modi. Oggi, però, di fronte ai continui aggiornamenti che hanno assunto ormai le vesti di un vero e proprio “bollettino da contagio” mi sento in dovere di farlo. Ci hanno detto che in questi casi deve prevalere un senso civico di responsabilità perché la salute della popolazione passa attraverso ciascuno di noi. Tutti dobbiamo seguire le regole e tra queste rientrano anche quelle sulla corretta informazione. La storia ci insegna come ogni epidemia porti inevitabilmente con se un’infodemia, cioè una circolazione spasmodica di informazioni spesso non vagliate con accuratezza. È inevitabile e forse anche umano. Quando si prospetta l’incubo di un’epidemia cresce inevitabilmente la preoccupazione per la salute dei nostri cari e spesso sfocia in allarmismo sociale. Oggi, rispetto alla nota “spagnola”, abbiamo facebook, whatsapp e uno smartphone che ci consente di sapere tutte le informazioni in tempo reale. Ho letto persone banalizzare “è una semplice influenza” ma anche soggetti impazziti per recuperare gel igienizzante o fare scorte di generi alimentari come se la terza guerra mondiale fosse alle porte. Io non sono un infettivologo né un virologo per questo non mi addentrerò nei tecnicismi che non mi competono. So che il nostro sistema sanitario è funzionale e composto da persone competenti che faranno di tutto per arginare il problema.

Voglio però provare a fare qualche considerazione insieme a voi. E voglio farlo partendo dall’assunto che la storia tanto ci insegna. È notizia di qualche ora fa che il Presidente del Consiglio Conte ha dichiarato che “si è verificata una falla nella prevenzione”. Io credo che la falla sia stata a monte. Credo che una volta passata la notizia dell’ “isolamento del virus” da parte delle ricercatrici ci siamo tutti un po’ seduti, dimenticandoci che isolare non significa aver pronto un vaccino. Così abbiamo spostato nuovamente l’attenzione su altro, dimenticandoci come fossimo davanti ad un problema concreto e davvero tangibile. Sono iniziate le manifestazioni di solidarietà nei confronti degli esercizi gestiti da cinesi e veri propri tour nelle diverse China town. A Milano proprio la sera prima dell’inizio della fashion week. Giustamente, perché altrimenti si sarebbe posta in essere un ingiusta discriminazione. Nessuno si aspettava però quello che è successo ed un po’ di attenzione forse avrebbe scongiurato la drastica misura di chiudere oggi gli esercizi pubblici dopo le 18:00.

Dicevamo, la storia. Nel 1300, quando la peste mieteva vittime, venivano organizzate processioni e le persone venivano pubblicamente fustigate con il tentativo di debellare l’epidemia. Ciò senza rendersi conto che, in realtà, così si alimentava esclusivamente il contagio. Historia magistra vitae.

Non fraintendetemi io non voglio con questo articolo alimentare il panico o la psicosi e ribadisco che, non essendo uno specialista, non intendo addentrarmi nelle caratteristiche del virus. Di solito quando scrivo non riporto numeri o statistiche perché li reputo noiosi e talvolta inutili. In questo caso però credo che possano aiutare a comprendere la portata del fenomeno. Si è fatta strada la voce che il Covid-19 sia poco più di un influenza e che si riveli letale soltanto per le persone che già soffrono di determinate patologie. In Cina però i dati dicono altro. Soltanto ieri sono morte 150 persone ed è stata la giornata più nera dallo scoppio dell’epidemia. È statisticamente impossibile che tutti i deceduti avessero pregresse o più gravi malattie o che fossero soggetti immunodepressi. Mi seguite?

Quando sentiamo dire che “la fanno più grossa di ciò che in realtà è” cerchiamo di ragionare con la nostra testa. La Milano fashion week è terminata con la scelta di sfilare a porte chiuse e le partite di serie A sono state rinviate. Avete idea dei milioni di euro che ruotano intorno al nostro campionato di calcio? La scelta di sospendere le partite o addirittura di chiudere gli stadi pregiudica irrimediabilmente l’economia. Se è stata presa una decisione così drastica un motivo ci sarà. Anzi, c’è.

Leggo di sciacalli che già si sarebbero presentati alle porte di anziani spacciandosi per operatori sanitari con il chiaro intento di derubarli. D’altro canto, io stessa, questa mattina ho ricevuto sul mio account instagram un messaggio di un sedicente centro massaggi di Roma che promette prestazioni nel massimo rispetto della pulizia e della privacy.

Io non voglio fomentare panico, lo ribadisco. Voglio però sottolineare che il negazionismo ha la stessa portata distruttiva dell’allarmismo. Cerchiamo di seguire le direttive che provengono dalle nostre autorità, laviamoci spesso le mani, evitiamo i contatti ravvicinati. Mi appello al vostro senso di responsabilità anche per consentire al personale sanitario di lavorare al meglio tutelando anche la propria incolumità. Loro sono i primi ad essere in trincea e spesso senza le adeguate attrezzature. Non serve l’allarmismo ma fondamentale è la prevenzione. Quella giusta.

Nella foto la criminologa Anna Vagli


Questo articolo è stato letto volte.


il Panda

tuscania

prenota_spazio

prenota_spazio


Altri articoli in Rubriche


lunedì, 3 agosto 2020, 10:26

Il futuro sono loro?

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa riflessione inviataci da Pasquale Sgrò sull'incontro-presentazione che i Giovani per Viareggio hanno tenuto presso Villa Lazzareschi in occasione dell'annuncio dell'appoggio alla candidatura di Giorgio Del Ghingaro


martedì, 28 luglio 2020, 18:18

L'avvocato dell'ex marito di Patricia: "La donna ha sottratto il figlio dalla casa coniugale di Lecce"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento di precisazione inviatoci dall'avvocato Jaccheri del foro legale di Pisa la quale difende gli interessi del papà del bambino la cui madre chiede di poter riavere con sé


Prenota questo spazio!


lunedì, 27 luglio 2020, 10:12

"Politeama, il teatro dimenticato"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera al sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingato, scritta da Paolo Annale, in qualità di portavoce del comitato "Salviamo il Politeama"


domenica, 26 luglio 2020, 21:12

"A Viareggio lo sport non è più accessibile a tutti"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di Lorenzo Tosi che a titolo personale, come sportivo professionista per molti anni, critica l'attuale amministrazione sullo sport a Viareggio


martedì, 21 luglio 2020, 20:16

Lettera al sindaco che verrà: no alla 'Riminizzazione' della città, sì alla sua conservazione

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa sorta di appello rivolto da un lettore al futuro primo cittadino di Viareggio e, sia pure indirettamente, agli elettori potenziali che si recheranno a votare alle prossime amministrative di settembre


sabato, 18 luglio 2020, 12:36

"Come le incertezze normative e procedurali possono pregiudicare gli equilibri ecologici, il caso del Lago di Porta"

Riceviamo e pubblichiamo questo intervento, a firma di Stefano Deliperi del Gruppo d'intervento Giuridico onlus, inerente il Lago di Porta in Versilia


Ricerca nel sito


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!