Anno 6°

mercoledì, 27 maggio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : sulla scena del crimine

Quando il virus non ha bisogno di bussare alla porta: muore strangolata dal fidanzato

domenica, 5 aprile 2020, 18:03

di anna vagli

Esistono case che sembrano studiate per rappresentare il palcoscenico della storia, di una storia. Ed esistono storie che iniziano da una fine come quella di Lorena Quaranta. Vittima di un virus che, nel suo caso, non ha avuto nemmeno la necessità di bussare alla porta ma si è palesato nelle mani assassine del compagno. Vittima non di Covid-19 ma di un altro morbo letale, globale e pandemico chiamato violenza che l’ha sopraffatta nel fiore degli anni e all’interno delle proprie mura domestiche.

Per Lorena, che di cognome fa Quaranta, quella terra di Sicilia bruciava di desideri e di aspettative. Animata da chi ha una voglia ardente di combattere in prima linea e di occupare il suo posto nella corsia di un ospedale, Lorena avrebbe concluso i suoi studi  il prossimo luglio. Non ha fatto in tempo a tagliare il suo traguardo ma, al contrario, ha dovuto salire lo scalino per raggiungere le stelle.

Quando hai 27 anni e  vieni uccisa con quella ferocia hai subito diritto ad una biografia. “L’ho ammazzata. Non so neanche io come”. Questa la frase pronunciata al 112 da Antonio De Pace, compagno coetaneo della donna ed infermiere a Furci Siculo (Messina). L’uomo, dopo aver tentato senza riuscirsi il suicidio, ha chiamato le forze dell’ordine per denunciare quanto accaduto.

Alla storia di Lorena, strangolata dalle mani del fidanzato, se ne affiancano altre nelle ultime ore.  Si affianca quella della donna accoltellata alla gola davanti ai figli a Milano, zona Porta Genova, e quella della donna incinta ferita alla testa con una pentola per mano del compagno. Ormai è sotto gli occhi di tutti. Con il perpetrarsi della quarantena diviene sempre più nitido quanto il diffondersi su scala mondiale della pandemia vada ad impattare drammaticamente su situazioni già di per se complesse. Inutile negarlo, queste vicende sono destinate a rimanere sospese nella memoria collettiva come frammenti laceri di una violenza senza remissione.

La triste realtà è che abbiamo imparato dalla Cina come tutelarci dal Covid-19 ma non sappiamo ancora come tutelarci dalla violenza domestica. Anch’essa è un morbo culturale capace di infettare luoghi, menti e corpi. Non dimenticatevi di loro. Non dimentichiamoci di loro.

Nella foto la criminologa Anna Vagli


Questo articolo è stato letto volte.


il Panda

tuscania

prenota_spazio

prenota_spazio


Altri articoli in Rubriche


mercoledì, 3 giugno 2020, 03:32

Microblading: a chi rivolgersi per delle sopracciglia perfette

La categoria del trucco semipermanente contiene al suo interno tante e diverse tecniche estetiche, tra cui la tecnica del microblading che prevede il deposito di pigmenti nello strato più superficiale della pelle, ovvero nell’epidermide, e viene utilizzato principalmente per correggere o riempire la forma delle sopracciglia


lunedì, 25 maggio 2020, 16:05

I migliori casino online: perché affidarsi solo a quelli certificati dall’AAMS

Dall’entrata in scena dei casino online molte piattaforme sono nate e cresciute, divenendo dei capisaldi del mondo del gaming sul web, mentre altre hanno tristemente abbandonato la scena


Prenota questo spazio!


sabato, 23 maggio 2020, 10:01

Perché è importante un software di contabilità ordinaria: 4 motivi

Per essere al passo con i tempi e per avere sempre il pieno controllo della propria attività è fondamentale possedere gli strumenti giusti come un software per la contabilità ordinaria. Questo permette non solo di avere una visione dell'intero processo di produzione delle fatture elettroniche, ma anche di garantire un'accelerazione dei...


venerdì, 22 maggio 2020, 10:24

"Sostegno alunni disabili e assistenti, necessario trovare soluzioni"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera aperta di Cobas lavoro privato Versilia, rivolta al sindaco di Massarosa, in merito alla questione dei servizi educativi per gli studenti diversamente abili del comune


venerdì, 15 maggio 2020, 12:31

Per Una Città Felice: "Decreto Rilancio, opportunità per nuovi tracciati ciclabili a Viareggio"

Riceviamo e pubblichiamo questo intervento del gruppo "Per Una Citta Felice" sulle opportunità per costituire nuovi tracciati ciclabili a Viareggio, grazie alle modifiche del codice della strada apportate con il recentissimo "Decreto Rilancio"


giovedì, 14 maggio 2020, 15:02

Comitato Operatori Turismo Nautico Toscana: lettera aperta alla Regione

Il Comitato degli Operatori del Turismo Nautico della Toscana si è rivolto alla Regione Toscana con una lunga e articolata lettera aperta per chiedere un intervento che dia certezze al settore, oltre a finanziamenti in tempi rapidi, senza i quali oltre 20 società di noleggio rischiano la chiusura


Ricerca nel sito


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!