Anno 6°

venerdì, 30 ottobre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : lettere alla gazzetta

Covid e scuola, il caos è ad un passo

venerdì, 2 ottobre 2020, 09:14

di marina burkhart

Bella e intelligente questa lettera inviataci da una mamma che si trova con un figlio di nove anni sottoposto a tampone, ma senza aver ancora ricevuto il risultato: una follia aver ridotto la scuola in questo stato:

Buongiorno,

scrivo per rendere nota la paradossale situazione che sto vivendo a Viareggio nell'attesa interminabile di un tampone.

Mio figlio, 9 anni compiuti da poco, venerdì scorso a scuola ha avuto mal di testa (in tutta sincerità ho pensato fosse la poca abitudine alla scolarizzazione dopo mesi di didattica a distanza). Capita talvolta che soffra di mal di testa, si verifica quando è molto stanco o se ha affaticato troppo la vista. Ha riferito alla maestra di sentire anche dei tremori alle gambe e così sono stata tempestivamente chiamata da scuola per andare a prenderlo. Non aveva mai avuto febbre e una volta arrivato a casa non ha manifestato alcun dolore o fastidio, ha pranzato normalmente ed è stato bene da quel momento in poi, sempre.

La scuola ovviamente ha richiesto il certificato medico per la riammissione a seguito di sintomi ritenuti compatibili con Covid 19 ed il pediatra a quel punto ha prescritto il tampone.

Da lunedì siamo in attesa di una chiamata per il tampone e tutto tace.

Premetto che comprendo perfettamente sia l'operato della scuola che quello del pediatra e ne condivido le ragioni.

Scrivo consapevole della difficoltà di gestione di questa crisi, ma vorrei porre l'attenzione ad alcune conseguenze che una conduzione di questo tipo comporta. Io ho l'aspettativa che mio figlio sia negativo ed il fatto che possa essere positivo è tanto imperscrutabile quanto che lo sia qualunque persona asintomatica che conduce una vita normalissima.... Potenzialmente quindi chiunque. Tralasciando però la mia convinzione, cosa accadrebbe se mio figlio fosse positivo? Per prima cosa che noi, un nucleo familiare di altre 4 persone tra cui 2 studentesse, per tutta questa settimana abbiamo condotto le nostre vite normalmente, uscendo e lavorando. Lo stesso dicasi per tutti i compagni di classe e le insegnanti. Se lui fosse positivo, con il ritardo abissale con cui verrà realizzato questo tampone (quando?), la comunicazione della positività arriverebbe alla classe già dopo più di sette giorni, a metà quindi di quella che avrebbe dovuto essere la quarantena. E dopo 4 mesi senza la scuola, dopo una manciata di giorni dall'inizio di questo nuovo anno scolastico, ecco un nuovo periodo di assenza.

Noi genitori siamo entrambi liberi professionisti e questo ci permette di gestire in autonomia tempi e lavoro, ma se così non fosse? Se avessimo un cartellino da timbrare o qualsiasi rapporto di lavoro subordinato? Come avremmo potuto fare?

Se la richiesta di un tampone prevede attese di questo tipo, lo scopo di contenimento viene vanificato.
Ultima piccolissima nota: quando qualche genitore al corrente del fatto, mi chiede come stia procedendo e quali siano i tempi, saputo l'evolversi della situazione dichiara che non è disposto a rischiare di passare un periodo simile, senza scuola, senza possibilità magari di andare a lavorare e che pertanto preferirebbe non dichiarare una possibile sintomatologia riconducibile al virus.

Se non si pone rimedio a questo problema subito, rischiamo di invalidare tutti gli sforzi che abbiamo compiuto in questi mesi.

L'unico referente possibile per avere informazioni è l'ufficio d'igiene, che è sempre ma proprio sempre irreperibile e anche questo non è accettabile.


Questo articolo è stato letto volte.


il Panda

tuscania

prenota_spazio

prenota_spazio


Altri articoli in Rubriche


lunedì, 26 ottobre 2020, 21:52

Giorgio Del Ghingaro, partita Iva, mette in guardia il Governo: "Attenzione a non fare la fine della Grecia"

Sul suo profilo facebook il sindaco di Viareggio si è ricordato di essere, soprattutto, una partita Iva e non un impiegato statale con stipendio garantito a fine mese Covid o non Covid


mercoledì, 21 ottobre 2020, 10:54

"Incrocio pericoloso, segnalazione dei cittadini ferma in comune"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera, a firma di Aldo Umicini, in merito alle criticità segnalate dai cittadini residenti nella zona industriale "Le Bocchette"


Prenota questo spazio!


mercoledì, 21 ottobre 2020, 08:41

"Ricordo di un maestro toscano: Massimo Micheli"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo ricordo del pittore Massimo Micheli, scritto da Bruno Pollacci, direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa


venerdì, 16 ottobre 2020, 09:19

Caso Italia: il gioco online resiste alla pandemia

A partire dalla primavera 2020 l'economia mondiale ha iniziato a subire un rallentamento a causa delle norme anti-Covid che tutti gli Stati hanno dovuto attuare per limitare la diffusione del virus


giovedì, 15 ottobre 2020, 18:21

Nuove slot machine grazie al fenomeno della gamification

Il fenomeno sempre più popolare della gamification non poteva non raggiungere il gioco d’azzardo e coinvolge anche le slot machine


domenica, 11 ottobre 2020, 09:49

"Tampone, cinque giorni di attesa e intanto mio figlio perde la scuola..."

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di una mamma, Francesca Antognoli, che riporta il caso del proprio bimbo di otto anni, a casa da scuola, in quanto da cinque giorni aspetta ancora la chiamata per fare il tampone


Ricerca nel sito


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!