Anno X

lunedì, 25 ottobre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : passioni napoleoniche

Napoleone e la moda di corte

venerdì, 27 agosto 2021, 16:38

di renata frediani

L’avvento sulla scena europea dell’astro di Napoleone Bonaparte segnò, senza ombra di dubbio, il declino definitivo dell’Ancien Régime. Importanti innovazioni furono introdotte in ambito politico, economico, sociale, culturale e non da ultimo artistico sino alla creazione, nella generale spinta del Neoclassicismo, di un vero e proprio Stile Impero che fu talmente innovativo da investire non solo le arti maggiori, si pensi alla grande pittura celebrativa di Jaques Louis David e Jean Auguste Dominique Ingres, ma anche le arti minori e le manifatture: gli arredamenti, le porcellane, le incisioni, i gioielli e non ultimi i tessuti ed i ricami ebbero dalla lungimirante politica culturale napoleonica nuova linfa.

Napoleone fu ben consapevole dell’importanza dell’Arte per consolidare sulla scena internazionale la sua figura ed il suo regno, la creazione del mito napoleonico si connotò pertanto come un vero e proprio programma politico guidato sin nei minimi particolari dallo stesso sovrano che si contornò di una eterogenea équipe di studiosi tra cui figura di spicco indiscutibile fu Dominique Vivant de Denon, direttore del Musée Napoléon.

Lo Stile Impero richiamava la grandezza e soprattutto la stabilità della gloriosa tradizione imperiale augustea, alleggerendola con una raffinatissima eleganza, e con precise regole di stile rispecchiava la struttura della nuova società nata dalle macerie della Francia rivoluzionaria.

La nascita dell’Impero, culminata con la solenne cerimonia dell’incoronazione del 2 dicembre 1804, mirabilmente immortalatala da David nella tela conservata al Museo del Louvre, segnò l’inizio di una nuova fase della politica napoleonica.

Al pari delle altre monarchie europee Napoleone ricostituì̀ anche in Francia una corte rigidamente strutturata per la cui conoscenza e comprensione strumento preziosissimo è il Cérémonial de L’Empire français, una raccolta organica dei senatoconsulti e dei decreti imperiali, stampata a Parigi nel 1805, con cui il sovrano progressivamente organizzò la struttura e definì̀ le norme del nuovo assetto di governo. Una parte di quest’opera è dedicata al costume dell’imperatore, dell’imperatrice, delle principesse e delle rispettive dame descrivendo sin nei minimi particolari gli indumenti e le insegne di spettanza secondo il loro rango.

In merito alla moda della corte fu proprio sotto l’impero napoleonico che venne reintrodotto l’uso dell’abito di corte o grand habit, si tratta di abiti realizzati in pregiatissimi tessuti e ricami in fili d’oro o d’argento con temi di forte valenza simbolica composti da una veste arricchita dal proprio manto. Fu lo stesso Napoleone a stabilire che per la confezione di questi manufatti fossero utilizzati esclusivamente tessuti francesi cosicché́ ne traessero beneficio economico le industrie tessili nazionali che ebbero così notevole sviluppo e rilancio.

La moda di corte venne connotandosi sempre più̀ come elemento fondamentale per il consolidarsi del nuovo Impero: se il pizzo era stato il lusso della vecchia aristocrazia prerivoluzionaria il ricamo era il simbolo della nuova classe di governo.

Napoleone introdusse nello splendido linguaggio floreale dei ricamatori le api imperiali e palmette neoclassiche, simboli di operosità̀ e rinascita.

Degli abiti di corte poche testimonianze sono giunte sino a noi, realizzati con materiali delicatissimi come il tulle di seta ed impreziositi da ricami in lamine, in oro ed argento, il tempo ne ha provocato la scomparsa o l’irrimediabile deterioramento. Alcuni esemplari superstiti si conservano presso il Musée national des châteaux de Malmaison & Bois-Préau.

Due esemplari di abito di corte, di cui uno con il proprio manto, sono inoltre conservati nel Museo Nazionale di Palazzo Mansi di Lucca. Esposti al pubblico nel 2018, dopo un lungo lavoro di studio che ho voluto portare avanti in prima persona, erano stati erroneamente interpretati fino ad allora come ricami di scuola francese e non parte integrante del sontuoso manto che oggi completa la mise. Si tratta in realtà di due abiti espressione del più alto livello artistico delle manifatture tessili francesi e proprio per tale caratteristica, oltre che per elementi stilistici, ascrivibili ad Elisa Bonaparte, insignita dal fratello Napoleone, Principessa e Altezza Reale del governo napoleonico a Lucca.


Questo articolo è stato letto volte.


il Panda

tuscania

prenota_spazio

prenota_spazio


Altri articoli in Rubriche


martedì, 26 ottobre 2021, 06:49

Riscaldamento domestico: non si arresta il successo della stufa a pellet moderna

Sempre più persone sono alla ricerca di un metodo ecologico ma al contempo efficiente per riscaldare gli ambienti. In quest'ottica, alle classiche caldaie si affianca sempre più spesso la stufa a pellet, dal design unico nel suo genere e con un sistema di riscaldamento semplice e davvero green


martedì, 26 ottobre 2021, 02:45

Personal shopper: non si arresta il successo di Privategriffe

Il personal shopper è una figura professionale che, negli ultimi anni, si è diffusa moltissimo; non si tratta di un servizio esclusivo a cui possono accedere esclusivamente VIP e personaggi famosi ma, al giorno d'oggi, tutti possono avere qualcuno che fornisce loro ottimi consigli su moda, bellezza e lifestyle


Prenota questo spazio!


venerdì, 22 ottobre 2021, 16:03

ADM, continuano i controlli su giochi e scommesse illegali

Anche per tutto il corso del 2020 è continuato il lavoro di controllo dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, che in merito all'evasione fiscale e contributiva. 10.485 esercizi del settore giochi hanno visto almeno un controllo. Questi hanno un'imposta accertata di 87,78 milioni di euro


giovedì, 21 ottobre 2021, 11:05

"Soldati, dall’alto di queste piramidi quaranta secoli vi guardano"

Napoleone Bonaparte fu certamente un soldato, come amava personalmente definirsi, dotato di una impareggiabile capacità strategica, ma fu anche uomo dotato di raffinata cultura


mercoledì, 20 ottobre 2021, 16:28

Nuovo Sindacato Carabinieri: "Grazie generale Luzi di averci ascoltato"

Il Nuovo Sindacato Carabinieri si dice soddisfatto dell'obiettivo raggiunto in tema green pass e caserme. Il caso, scoppiato la scorsa settimana, aveva visto alcuni carabinieri costretti a lasciare il proprio alloggio in caserma se sprovvisti di green pass, dato che il comando generale dell'arma paragonava tale sistemazione ad un luogo...


martedì, 12 ottobre 2021, 17:46

Scopri i consigli per una camera da letto più accogliente e un sonno più riposante

Ognuno ha bisogno di qualcosa di diverso per un sonno indisturbato. Ad alcune persone non piace una marea di cuscini morbidi, ad altre piace il buio assoluto. Ma una camera da letto accogliente è la migliore ricetta per sogni dolci per tutti


Ricerca nel sito


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!