Anno X

lunedì, 25 ottobre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : passioni napoleoniche

La redingote di Napoleone

venerdì, 17 settembre 2021, 11:22

di renata frediani

La figura di Napoleone, anche se appena tratteggiata nella penombra in uno dei tanti ritratti a lui dedicati, è immediatamente riconoscibile per due attributi inconfondibili, il mitico cappello, detto petit chapeau, bicorno o feluca, e la celebre redingote grigia che divennero gli elementi iconografici napoleonici maggiormente conosciuti dal grande pubblico. 

La redingote non venne ideata da Napoleone ma se ne hanno attestazioni in Inghilterra già dalla fine del XVII secolo come indumento indossato indifferentemente da uomini e donne per l’equitazione e le battute di caccia. 

Utilizzata dai militari per ripararsi dal freddo nei periodi invernali durante l’Ancien Régime e la Rivoluzione francese, solo grazie a Napoleone, che influenzò anche la moda con il suo notevole carisma, la redingote si trasformò in un indumento da passeggio realizzato in panno di colore nero, verde o grigio. 

Napoleone adottò un modello semplice, di linea ampia, da indossare sopra la divisa, a doppio petto, caratterizzato dal collo a grandi revers, realizzato in semplice panno grigio o verde, prodotto a Louviers, importante località francese famosa per la migliore produzione di tessuti a livello europeo, e foderato in seta. 

I primi capi consegnati nel 1804, 1808 e 1809 furono realizzati dal sarto personale dell’Imperatore Chevallier, autore anche degli abiti dell’incoronazione di Napoleone e Josephine, avvenuta a Parigi il 2 dicembre 1804 nella cattedrale di Notre-Dame davanti a 12000 invitati. 

Dalla documentazione d’archivio risultano commissionate da Napoleone redingote dal 1804 al 1815 con un’ultima consegna avvenuta nell’imminenza della partenza per Waterloo. 

Le fonti attestano che per realizzare il cappotto servivano 3 metri di tessuto, tela in cotone per le tasche, e 3,5 metri di fodera in seta per un costo complessivo per ciascun capo di 200 franchi, poi sceso a 160 franchi con le consegne del nuovo sarto Lejune, corrispondenti alla paga di circa 5 mesi di lavoro di un bracciante. 

Per la campagna di Russia furono realizzate quattro redingote tra cui una preziosissima foderata di pelliccia di cincillà per proteggere Napoleone dal gelo delle nevi russe, immortalata in numerosissime stampe e dipinti che ritraggono l’imperatore sul campo di battaglia. Di questi capi tre andarono distrutti durante l’incendio di Mosca. 

Oggi si stima Napoleone abbia utilizzato circa quindici redingote delle quali, attualmente, se ne conservano tre, due esposte al Musée Napoléon I, all'interno de Castello di Fontainebleau, una in panno verde e l’altra grigio, ed una, di panno grigio, presso il Museo de l’Armée Invalides a Parigi. 

L’Imperatore nella vita privata fu un uomo semplice, indossava abiti pratici, sempre rigorosi, fortemente in contrasto con gli indumenti dei suoi generali e marescialli che calzavano copricapo piumati ed indossavano divise con galloni dorati.

Bonaparte amava vestire simile ai suoi soldati e la redingote, sempre indossata sui campi da battaglia, oltre che renderlo riconoscibile sul teatro di guerra suscitava ammirazione e rispetto nei soldati anche se intravista passando davanti al suo bivacco. 

Luise Marchand, il fedele valet de chambre che seguì Napoleone negli esili dell’Elba e di San’ Elena, racconta nelle sue memorie che l’imperatore con quella redingote grigia suscitava un effetto di magica empatia con i suoi soldati. 

I suoi soldati lo chiamavano Piccolo caporale e per non esporlo ai pericoli erano pronti a rischiare persino la loro vita. Piccolo caporale, non per la leggenda che vuole Napoleone di bassa statura. L’appellativo, dato dagli stessi soldati, fa riferimento in realtà alla giovane età, 27 anni, non comune per l’epoca, che Napoleone aveva ai tempi della Prima campagna d’Italia. La sua statura rientrava perfettamente nella media degli uomini della Francia del XVIII secolo ma, vicino agli ufficiali della elitaria Guardia Imperiale, responsabili della sua protezione, per questo motivo sempre al suo fianco, sui campi di battaglia e in viaggio, risultava più basso poiché tra i criteri di scelta degli ufficiali adottò quello di nominare uomini con una statura superiore alla media, almeno di 1.73m. Da qui l’origine di una di quelle false credenze su Bonaparte che tuttavia fa parte della costruzione del mito napoleonico nella memoria collettiva. 

Prima di ogni battaglia Napoleone comunicava spiegando in modo semplice e diretto, con messaggi chiari, gli obbiettivi da raggiungere, la loro importanza ed il modo per poterli attuare, convinto, secondo una delle sue massime militari, che “qualsiasi ordine fraintendibile verrà frainteso”. Questo rapporto diretto con i soldati caratterizzato da una corretta comunicazione, stabiliva un’autentica fiducia all’interno dell’esercito creando un così intimo rapporto di identificazione tra le parti tale da divenire una delle peculiarità dell’esercito napoleonico.


Questo articolo è stato letto volte.


il Panda

tuscania

prenota_spazio

prenota_spazio


Altri articoli in Rubriche


martedì, 26 ottobre 2021, 06:49

Riscaldamento domestico: non si arresta il successo della stufa a pellet moderna

Sempre più persone sono alla ricerca di un metodo ecologico ma al contempo efficiente per riscaldare gli ambienti. In quest'ottica, alle classiche caldaie si affianca sempre più spesso la stufa a pellet, dal design unico nel suo genere e con un sistema di riscaldamento semplice e davvero green


martedì, 26 ottobre 2021, 02:45

Personal shopper: non si arresta il successo di Privategriffe

Il personal shopper è una figura professionale che, negli ultimi anni, si è diffusa moltissimo; non si tratta di un servizio esclusivo a cui possono accedere esclusivamente VIP e personaggi famosi ma, al giorno d'oggi, tutti possono avere qualcuno che fornisce loro ottimi consigli su moda, bellezza e lifestyle


Prenota questo spazio!


venerdì, 22 ottobre 2021, 16:03

ADM, continuano i controlli su giochi e scommesse illegali

Anche per tutto il corso del 2020 è continuato il lavoro di controllo dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, che in merito all'evasione fiscale e contributiva. 10.485 esercizi del settore giochi hanno visto almeno un controllo. Questi hanno un'imposta accertata di 87,78 milioni di euro


giovedì, 21 ottobre 2021, 11:05

"Soldati, dall’alto di queste piramidi quaranta secoli vi guardano"

Napoleone Bonaparte fu certamente un soldato, come amava personalmente definirsi, dotato di una impareggiabile capacità strategica, ma fu anche uomo dotato di raffinata cultura


mercoledì, 20 ottobre 2021, 16:28

Nuovo Sindacato Carabinieri: "Grazie generale Luzi di averci ascoltato"

Il Nuovo Sindacato Carabinieri si dice soddisfatto dell'obiettivo raggiunto in tema green pass e caserme. Il caso, scoppiato la scorsa settimana, aveva visto alcuni carabinieri costretti a lasciare il proprio alloggio in caserma se sprovvisti di green pass, dato che il comando generale dell'arma paragonava tale sistemazione ad un luogo...


martedì, 12 ottobre 2021, 17:46

Scopri i consigli per una camera da letto più accogliente e un sonno più riposante

Ognuno ha bisogno di qualcosa di diverso per un sonno indisturbato. Ad alcune persone non piace una marea di cuscini morbidi, ad altre piace il buio assoluto. Ma una camera da letto accogliente è la migliore ricetta per sogni dolci per tutti


Ricerca nel sito


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!


Prenota questo spazio!