Anno XI 
Martedì 28 Giugno 2022
  - GIORNALE NON VACCINATO
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

Scritto da aldo grandi
Rubriche
25 Maggio 2022

Visite: 914

Lei fa di professione l’antiquario. Come si diventa antiquari e, soprattutto, come ci è arrivata lei?

Il mio ingresso in quel mondo magico che si chiama arte è avvenuto in tenerissima età, ricordo che mia madre dovette faticare non poco per convincere la maestra che i fantasiosi lavoretti artistici che portavo, già alle elementari, erano solo frutto della mia fantasia senza alcun aiuto dei familiari. Questa passione innata mi portò a mettere insieme, già all’età di tredici anni, la mia prima collezione di tazzine di porcellana da caffè, ancora custodite con cura. Ricordo, pure, quando avevo diciassette anni, l’insistenza con la quale convinsi mio padre a finanziare l’acquisto del mio primo arredo importante, una consolle dorata Luigi XVI, che naturalmente conservo tuttora gelosamente. In seguito, la passione per la storia dell’arte portò altri interessi e predilezioni, lo Stile Impero e il mondo napoleonico soprattutto. E cosi avvertii presto il desiderio di tradurre quegli interessi e quelle competenze maturate nel corso degli studi in una vera professione, quella dell’antiquario, specializzandomi con dedizione inestinguibile e immutabile nel binomio Impero-Napoleone.

Antiquari si nasce o si diventa? Ossia, si deve avere alle spalle qualcuno che ti aiuta o si può arrivare anche da soli.

Io sono nata collezionista. Devo ovviamente ringraziare mio padre che ha sempre sostenuto economicamente questa mia passione di collezionista di oggetti d’arte.

Ci risulta che lei sia in possesso di una meravigliosa e unica collezione di bambole d’epoca. Di cosa si tratta?

Come accade a molte bambine, la mia passione per le bambole è nata in tenerissima età. Fin qui niente di strano. La cosa singolare consisteva nel fatto che il mio interesse era rivolto alle bambole dei tempi passati. Attualmente la mia collezione spazia dai presepiali del Seicento alle Barbie degli anni Cinquanta. Sarei insincera se celassi la soddisfazione dall’avere visto la mia collezione esposta nei più prestigiosi musei nazionali. Attualmente è esposta presso il museo Archeologico di Napoli.

Lei è appassionata di Stile Impero: ci può spiegare il significato di queste parole?

Lo Stile Impero è una corrente artistica legata indissolubilmente alla figura di Napoleone. Gli arredi di questo periodo sono caratterizzati dal gusto per le linee rette, in cui il nobile mogano era il legno più usato e il colore scuro risaltava i bronzi cesellati e dorati con un risultato sontuoso. Lo Stile Impero è un’evoluzione del Neoclassicismo che abbandona le settecentesche leziosità del Luigi XVI. Le colombe o mazzetti di fiori lasceranno il posto a sfingi egiziane, aquile, vittorie alate e colonne per ricordare anche negli arredi la componente militaresca delle campagne napoleoniche. Dopo la campagna di Napoleone in Egitto (1798-1799) nascerà lo stile denominato “retour D’Egypte”, in cui sfingi, obelischi, geroglifici saranno protagonisti e ne adorneranno gli arredi di fine Settecento. Lo Stile Impero doveva concorrere alla grandezza dell’Impero, ma con canoni di eleganza, rigore e buon gusto. Napoleone ebbe con l’arte un rapporto intimo e profondo imprimendo a ogni espressione artistica - dalla letteratura alla musica, dalla pittura alla scultura all’architettura - una propria ispirazione finalizzata alla creazione del mito dell’imperatore e della sua famiglia.

Oggi lei è una delle collezioniste più importanti a livello europeo e una delle più profonde conoscitrici della figura di Napoleone e dell’epoca napoleonica. Eppure sono i cattedratici che dettano legge. Loro, però, non hanno fatto pratica sul campo come lei.

Le posso assicurare che i veri studiosi non dettano legge, ma riescono a collaborare in modo proficuo con i soggetti avvicinati al loro campo d’indagine con competenze più pratiche. Inoltre, sono ottimi collaboratori e sanno confrontarsi nel loro campo di attività anche con chi gli si è avvicinato su un piano più pratico.

Se dovesse spiegare Napoleone ai giovani d’oggi in poche righe, come lo descriverebbe?

Ai giovani mi fa piacere ricordare che, se oggi si sentono liberi di viaggiare, imparare senza difficoltà nuove lingue, studiare in università europee da loro liberamente scelte, vivere in una società moderna ed egualitaria, è grazie al primo seme gettato da Napoleone che già ai primi dell’Ottocento aveva capito l’importanza di una Europa unita: «l’Europa ha bisogno di una sola legge, di una sola moneta di un sistema di misura eguali… voglio fare di tutti i suoi popoli un popolo solo». Napoleone ha combattuto sui campi di battaglia per far prevalere le idee della rivoluzione e contro le monarchie d’Europa che non intendevano rinunciare ai previlegi dinastici. Ci ha consegnato una società moderna, grazie anche al suo codice, pagando il prezzo dell’esilio a Sant’Elena.

È vero che ha contribuito ad arredare, anche con i suoi pezzi d’epoca, la villa che fu dell’imperatore all’isola d’Elba.

Si, ho contribuito al progetto “Napoleone all’Elba” mettendo a disposizione le mie competenze, partecipando con le mie collezioni alla realizzazione di importanti mostre ai musei Elbani. A questo proposito, ricordo che un’ampia selezione di arredi provenienti dalla mia galleria è stata esposta in diverse mostre tematiche sullo stile Impero, per le quali ho prestato la mia collaborazione.

Lei è molto invidiata da chi vorrebbe avere la collezione che ha lei. È disposta a venderla?

Vendere una collezione raramente è un desiderio di chi quella collezione con passione, competenza, impegno e approfondimento l’ha realizzata. Non ho mai collezionato per investimento, ogni pezzo d’arte da me selezionato doveva gratificare il mio senso estetico. Sono da sempre stata affascinata dalla bellezza e molto selettiva nel selezionare oggetti per la loro rarità, qualità artistica, e il tempo passato.

Se avesse vissuto ai tempi di Napoleone chi avrebbe voluto essere?

Certamente la principessa Maria Paola Bonaparte Borghese, chiamata Paolina, il personaggio che più mi rappresenta per spontaneità, sentimento e lealtà. La determinazione nel volere essere arbitra in prima persona della propria vita che tanto l’ha sottoposta alle critiche dei suoi contemporanei, oggi, al contrario è considerata segno di uno spirito libero e intelligente, che vuol guidare da sola la propria esistenza. Paolina Bonaparte, la sorella prediletta di Napoleone, ha, dunque, tutta la mia ammirazione e può essere definita il prototipo della donna moderna, capace di sovrintendere da sola anche alla realizzazione della sua nuova dimora viareggina, già nel 1822, fatto unico per quell’epoca.

L’affare più importante che le è capitato di fare durante la sua attività di antiquario.

Desidero chiarire che la parola “affare” non ha mai fatto parte dei miei pensieri, la linea guida del mio lavoro è sempre stata la passione per la ricerca incessante della bellezza, del bel manufatto artistico, dove l’armonia della forma ed epoca si innestano in un risultato sublime di rarità ed eleganza, tale da sprigionare benessere, un’oasi di pace e di piacere intellettuale.

Lei ha ritrovato un indumento che era appartenuto a Elisa Bonaparte sorella di Napoleone. Ci racconta questa storia per favore?

Durante i lunghi anni di attività in continuo contatto con l’arte napoleonica mi sono, spesso, trovata in presenza di preziosissimi manufatti di particolare pregio e rarità artistica, ma l’occasione straordinaria si è verificata quando mi sono imbattuta in quelli che, sin dai primi istanti, riconobbi come due ricami francesi stilisticamente affini al periodo napoleonico. L’emozione maggiore fu quando visitando la sezione tessile del Museo Nazionale di Palazzo Mansi, ammirai esposto il manto di corte da sempre mancante, però, del suo abito. Immediatamente, grazie alle innumerevoli esperienze maturate in tanti anni mi resi conto che fra quel manufatto e i miei due ricami vi era una diretta relazione. Le assonanze erano inequivocabili e per me fu veramente un’esperienza straordinaria, oltre che una grande emozione, il momento in cui mi resi conto che, non solo avevo scoperto e recuperato un preziosismo manufatto della corte napoleonica, ma avevo trovato gli abiti che due secoli prima avevano accompagnato quel manto. Il dato storico ci permette di ascrivere l’appartenenza dell’abito ad Elisa Baciocchi, l’unica ad avere avuto un attivo ruolo di governo a Lucca, insignita dal fratello imperatore Altezza Reale all’interno di una corte strutturata sul modello di quella parigina, in quanto Principessa di Lucca e Piombino e Granduchessa di Toscana dal 1805 al 1814. Questo ritrovamento é stato per me molto emozionante per la ricerca e il suo esito fortunato. Si fortunato, ma non perché dovuto ad una mera casualità ma come frutto dei miei lunghi studi ed esperienza nell’affascinante mondo napoleonico. Avere scoperto dopo due secoli gli abiti mancanti al manto e poterli riunire in una unica teca nella fastosa sala dei Principi nel Museo Nazionale di Palazzo Mansi a Lucca ha dato modo alla citta di Lucca, una delle capitali napoleoniche d’Europa, di esibire uno straordinario nucleo documentario della corte napoleonica, unico esempio nel panorama internazionale di un Manto in tulle di seta con ricami in lamine di argento con i relativi abiti che rispecchia il fasto e l’eleganza di quel periodo.

C’è ancora qualcosa che avrebbe desiderato avere e non è mai riuscita a trovare o a comprare durante la sua attività di collezionista di cose napoleoniche?

I desideri di un collezionista non si placano mai ed è un fatto noto quanto la bulimia del collezionista sia destinata a restare sempre insoddisfatta. Completata la ricerca e l’acquisto di un bene che va ad aggiungersi alla collezione si dà inizio, immediato, a una nuova ricerca finalizzata a incrementare e valorizzare la collezione.

Sia sincera: ma a Lucca lo sanno di avere in città la più famosa collezionista napoleonica in circolazione quantomeno in Italia?

Non mi sono mai posta la domanda. Da tanti anni svolgo una professione per me bellissima che mi permette di frequentare persone con me in sintonia culturale e umana, dove interessi e l’amore per l’arte mi restituiscono armonia e benessere e questo è quanto di meglio io possa desiderare.

Pin It
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

ULTIME NOTIZIE BREVI

Spazio disponibilie

Il 29 giugnio da tutti i treni un lungo fischio per ricordare le vittime: questo l'appello che arriva dalla…

Sono 18 i paesi-borghi che si vedranno assegnare le risorse del PNRR e tra questi non c'è Stazzema. Nell'elenco invece…

Spazio disponibilie

Varie chiamate intorno alle 13, al centralino del 118, per una persona recuperata dall'acqua al bagno Florindo in via Giuseppe…

Sabato 25 giugno presso il pontile di Marina Di Pietrasanta, dalle ore 20 alle ore 24, saranno presenti i…

Spazio disponibilie

«Delle semplici scuse. Per l’assenza umana e  fisica dei rappresentanti del Comune al processo d’Appello bis in corso a Firenze,…

"Sporcizia, degrado e mancanza di sicurezza nel parco Papa Giovanni XXIII: l'amministrazione Pierucci deve intervenire subito": lo chiede il…

Divieto assoluto di accensione fuochi su tutto il territorio comunale per il rischio elevatissimo di sviluppo incendi. La raccomandazione…

Si inaugura oggi alle 17.30 la mostra del pittore e scultore Piergiorgio Pistelli al Caffè Così Com'è in Via Machiavelli…

Spazio disponibilie

La formazione permanente del personale, dipendente  e convenzionato (oltre 16.000 professionisti in tutto), della ASL Toscana nord ovest è stata…

È convocata per martedì 28 giugno, alle ore 20.30, la seduta del consiglio comunale che si svolgerà nella sala…

Spazio disponibilie

RICERCA NEL SITO

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie