Anno XI 
Martedì 25 Giugno 2024
  - GIORNALE NON VACCINATO
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

Scritto da Redazione
Ce n'è anche per Cecco a cena
26 Settembre 2022

Visite: 1505

Questa volta non sono stati la spalla di nessuno. E nemmeno hanno avuto il bisogno di essere sdoganati da un qualunque Berlusconi d'accatto. Questa volta hanno fatto tutto da soli, aiutati dalla miopia di una classe politica senza alcuna capacità interpretativa dei reali bisogni, emotivi ed effettivi, delle masse e, soprattutto, degli italiani. Aveva ragione Ida Magli, quando si calpesta l'identità di un popolo, quando si annienta ogni anelito di appartenenza e di coscienza nazionali, inevitabilmente si finisce per scatenare una reazione. Chiamatela, se volete, antropologia o, meglio ancora, essenza dell'uomo, la bestia stupida di sempre che mai capirà le lezioni del passato. Giorgia Meloni ha trionfato, non soltanto vinto questa tornata elettorale. Impossibile sarà, per un antisovranista come il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, non darle l'incarico di formare il nuovo governo del paese. A sezioni non ancora completamente scrutinate, il suo partito, Fratelli d'Italia, ha sfondato il tetto del 25 per cento delle preferenze e con un astensionismo di oltre il 35 per cento. Questo significa, in soldoni, che a destra, se avessero votato tutti, avrebbero fatto bingo poiché anche i sassi sanno che a sinistra vanno sempre tutti a votare. Se Giorgia Meloni è e sarà la prima premier donna in Italia - così da inchiodare al muro i beceri che, se al suo posto ci fosse stato Salvini, avrebbero scatenato la rivolta - non si può non registrare il crollo, devastante, incontestabile, inconfutabile della Lega di Matteo Salvini, unico vero responsabile di una disfatta annunciata da tempo da quando, cioè, aveva accettato di rinunciare a essere coerente con quanto era andato dicendo da anni alleandosi, al governo, con Mario Draghi e le altre forze sovranazionali.

Che questo sia stato un voto di protesta, è innegabile. Contro le misure anti-Covid, contro due anni di distruzione sociale ed economica, contro misure che hanno represso ogni anelito di libertà, ma, soprattutto, di speranza. Contro una classe politica digerente che ha da sempre preferito chiunque, anche il porco, purché non italiano. Ecco, gli italiani, alla fine, hanno risposto come si merita una classe politica che ha rinunciato da decenni a fare il bene del proprio popolo alleandosi con organismi sovranazionali il cui unico compito, in nome di un presunto benessere mondiale, è quello di omogeneizzare i popoli annientandone ogni anelito di identità. Perché, credete, anche i popoli anzi, forse, in particolare loro, hanno un profondo senso di identità e, se ci pensate bene, ogni guerra, nonostante si blatera destra e a sinistra, viene combattuta proprio in nome di una più o meno ragionevole pretesa di rispetto di una identità che qualcuno, a torto o a ragione, cerca di disperdere o cancellare. Basterebbe chiedersi la ragione principale del crollo della ex Urss, oppure della ex Jugoslavia. Invece no, si continua a pensare e a credere che siamo tutti fratelli... Idioti e ciechi. Siamo eguali, ma, allo stesso tempo, profondamente diversi il che non significa l'uno contro l'altro armati, ma la soglia tra il conflitto e il confronto è cosa che attanaglia l'umanità sin dal suo sorgere. Sta qui, in questa altalena in costante movimento, l'essenza della politica e della diplomazia.

Pin It
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

ULTIME NOTIZIE BREVI

Spazio disponibilie

Il Comune di Camaiore apre una manifestazione di interesse per concessioni di spazi per operatori commerciali…

Domenica 23 giugno, alle 9, al sacrario dei "Reduci Patrie Battaglie" del cimitero urbano di Pietrasanta autorità civili, militari e religiose, insieme alle associazioni combattentistiche e d'arma, ricorderanno i caduti del 24 giugno 1859, nella battaglia combattuta sulle colline tra San Martino e Solferino

Spazio disponibilie

Sabato 29 giugno alle 17.30 nel Giardino Bacchelli della Biblioteca 

Il Comitato Organizzatore comunica che, a causa delle previste condizioni meteo marine avverse, la 38^ Regatalonga, Veleggiata "in…

Spazio disponibilie

Pressione in calo per l’arrivo di una depressione atlantica che porterà anche in Toscana temporali nelle prossime ore.

Esprimono soddisfazione i consiglieri comunali della Lega Maria Pacchini e…

Mercoledì 26 giugno alle 20,30 è convocato presso la sala consiliare del Municipio, in piazza…

Sono stati "consiglieri per un giorno", i piccoli della scuola dell'infanzia "Fratelli Grimm" di Ponterosso che mercoledì…

Spazio disponibilie

Pubblicata la graduatoria definitiva dei Nidi d'Infanzia di Massarosa anno educativo 2024/2025. Ottanta i posti a disposizione complessivamente,…

Sabato 22 giugno si terrà la tavola rotonda sul tema "Il Parco che vorremmo", organizzata da…

Spazio disponibilie

RICERCA NEL SITO

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie