Anno XI 
Domenica 4 Dicembre 2022
  - GIORNALE NON VACCINATO
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

Scritto da aldo grandi
Ce n'è anche per Cecco a cena
21 Novembre 2022

Visite: 238

Ariecchice direbbero e dicono nella capitale. Non si può mai stare tranquilli che subito devono inventarsi qualcosa per mettertelo sotto la coda. Siamo a novembre inoltrato, manca un mese a Natale e invece di spruzzare ottimismo e fiducia nella gente alla luce del fatto che, dopo due anni, i contagi da pipistrelli cinesi incazzati sono infinitamente inferiori a uno e, soprattutto, due anni fa, ecco di nuovo i gufi e i menagrami al lavoro, giornalisti (sic!) in primis. Dopo averci pardon, avervi fatto vaccinare fino a quattro e anche cinque volte con risultati che definire patetici sarebbe un eufemismo, ecco che, di nuovo - e guarda caso con un governo di centrodestra notoriamente, almeno in materia di Covid, alieno dal gridare al lupo al lupo ogni cinque minuti - infettivologi, immunologi, esperti e specialisti di nonsisabenechecosa annunciano l'imminente arrivo di nuove sventure. E giù anzi, su con le mascherine, di nuovo tutti a coprirsi per paura del raffreddore o di un colpo di tosse perché, si sa, ormai non esistono più né il primo né il secondo, ma sono solo l'anticamera di quell'incubo al quale ci hanno assoggettati e piegati spargendo paura senza limiti. Guardate l'informazione mainstream, tutta uguale a se stessa senza un minimo di autonomia di pensiero. Ma questa volta hanno sbagliato i conti perché dopo quello che si è visto in termini di affidabilità dei vaccini nel mantenere esenti dal contagio, sarà dura che la gente corra a farsi la quinta e la sesta e, magari, anche la settima vaccinazione.

Abbiamo letto da qualche parte che i pipistrelli cinesi, sempre quegli stronzi di due anni fa, si sarebbero messi in testa di far ripartire il contagio e, quindi, il lockdown, così da poter smaltire le dosi accumulate e già pagate acquistate dagli stati che se la sono fatta sotto e l'Italia, in questo, sarà anche fuori dal mondiale in Qatar, ma quanto a coraggio non la batte nessuno.

Bene, anzi male. Secondo i profeti dell'ultima sventura che, poi, sono sempre i medesimi della prima, siamo prossimi ad una nuova pandemia e già, dicono, i morti sono risaliti. Mah, può darsi, ma non ci sembra che la situazione sia così allarmante e, almeno per quanto ci riguarda, le uniche ondate che riusciamo a vedere sono quelle del mare quando, durante l'inverno, ci tuffiamo in mare senza muta così da sentire sulla pelle il bacio dell'acqua fredda. 

Come abbiamo già abbondantemente detto, non ci siamo vaccinati e non lo faremo mai e non perché siamo no vax come amano dire gli stolti, bensì perché riteniamo che l'unica vera immunità ce la possa garantire il nostro organismo affrontando senza rischi e senza eccessi di incoscienza una malattia che è curabile e, soprattutto, guaribile. 

Ecco perché non troverete mai più una sola notizia riguardante il Covid sulle Gazzette, perché di allarmismo vivono e prosperano gli ignoranti. Ecco perché continueremo a farci curare da un medico che era stato sospeso e ora riammesso all'esercizio della professione: vi rendete conto della assurdità di queste decisioni? Ora il medico, ma sono migliaia, è nuovamente in grado di fare il suo mestiere, ma durante il Covid, rifiutando i vaccini, non lo era più. Pazzesco. Altro che dittatura sanitaria. Altro che persecuzione. E ora arriva anche la cartella, leggiamo, con la sanzione di 100 euro: quando uno stato non agisce più in base al buonsenso e all'amore verso il popolo, ma soltanto con imposizioni senza senso, allora opporsi non è un diritto, è un dovere.

Ci sono persone che ci hanno tolto il saluto per queste nostre posizioni. Menomale. L'unico contagio che ci preoccupa è quello di chi segue il gregge perché sarà sufficiente instillargli qualche goccia di paura perché rinunci a ragionare.

Noi vogliamo credere e sperare che questa volta gli italiani non saranno così beoti come sono stati con i governi Conte e Draghi e metteteci anche Salvini che con il suo appoggio ha ridotto la Lega ad un partito lillipuziano. Che il Green Pass lo utilizzeranno sì, ma soltanto quando si dovessero trovare in assenza di carta igienica sulla tazza del cesso. A noi resta ancora, per questi due anni in cui hanno devastato il tessuto sociale ed economico di questo già disgraziato Paese e arricchito psicologi, neurologi e psichiatri, una lunga, lunghissima rabbia. E siamo pronti a manifestarla.

A proposito, leggete nell'immagine la bellissima poesia di Trilussa e aprite le menti ancor più che gli occhi. 

Pin It
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

ULTIME NOTIZIE BREVI

Spazio disponibilie

Per il Pci di Lucca e versilia, la situazione del pronto soccorso dell’ospedale unico è molto preoccupante :“I segnali che giungono dal pronto soccorso dell’ospedale Versilia indicano inequivocabilmente la grave situazione nella quale versa, i cui effetti investono sia i pazienti che i sanitari”

Sarà possibile infatti entro (inderogabilmente) le ore 12:30 del…

Spazio disponibilie

Da martedì 6 dicembre partono i lavori di asfaltatura in via Campania, nella zona di Macelli, "con…

A diciotto anni dalla prima edizione, torna in una nuova veste aggiornata nei contenuti e nella grafica “Profili…

Spazio disponibilie

A 124 anni dalla morte, Elisabetta, Imperatrice d’Austria e Regina d’Ungheria, è ancora protagonista della cronaca. Ultimissime su Sissi è…

Terzo appuntamento con la rassegna I concerti del Maestro Igor Raykhelson, donata dal Maestro alla città di Forte dei Marmi.

Domani sabato 3 dicembre alle 17.30 in occasione dell'accensione dell'albero di Natale al Pontile si terrà un momento…

Torna, per il terzo inverno consecutivo, “Culturalmentre”, la web tv intelligente, rassegna letteraria virtuale promossa dall’associazione “Nati per scrivere”, da…

Spazio disponibilie

Martedì 6 dicembre, dalle ore 9 alle 17, nelle seguenti strade del Comune di Camaiore, Localita' Capezzano Pianore Rotaio: Via…

Nuovo appuntamento con "Giro di boa", il libro scritto da Franco Pulzone, che fa parte della trilogia "Pillole viareggine". Pulzone,…

Spazio disponibilie

RICERCA NEL SITO

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie