Anno XI 
Sabato 2 Marzo 2024
  - GIORNALE NON VACCINATO
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

Scritto da Redazione
Cronaca
09 Dicembre 2023

Visite: 262

I finanzieri della compagnia di Faenza hanno dato esecuzione a quattro ordinanze di custodia cautelare in carcere, disposte dal GIP del Tribunale di Ravenna, nei confronti di altrettanti soggetti appartenenti ad un sodalizio che ha ottenuto indebiti profitti, per circa 2 milioni di euro, ai danni di oltre 500 soggetti residenti in 13 Regioni (Veneto, Trentino-Alto Adige, Toscana, Sicilia, Sardegna, Piemonte, Marche, Lombardia, Liguria, Lazio, Emilia-Romagna, Campania, Basilicata).

È l’esito di una complessa attività d’indagine, che ha permesso di disarticolare un’associazione, promossa da un soggetto ravennate, che prospettava falsamente ad ignari soggetti la possibilità di accedere a finanziamenti erogati da organismi dell’Unione Europea, anche in parte a fondo perduto, per fornire liquidità alle imprese o per fabbisogni familiari. Complessivamente 50 milioni di euro i finanziamenti promessi dai 4 soggetti, che tuttavia non sono mai arrivati, in quanto i fondi europei erano del tutto inesistenti.

Secondo quanto ricostruito dai militari della Compagnia di Faenza, il meccanismo di frode adottato dal sodalizio, che si avvaleva di società con sede a Roma, Viareggio e Cagliari, prevedeva la richiesta alle vittime di un compenso da versare sui conti bancari delle medesime società a titolo di pagamento per l’istruttoria necessaria ad avviare la pratica di finanziamento. Quindi, tale compenso, decurtato di una quota parte di spettanza dei soggetti riconducibili alle stesse società, veniva sistematicamente messo nella disponibilità del soggetto ravennate, mediante l’emissione di fatture false da parte della società di cui quest’ultimo risultava titolare: ciò al solo fine di far perdere traccia dei proventi illecitamente acquisiti dalle vittime delle truffe, approfittando talvolta anche della precaria situazione finanziaria in cui versavano molti di essi.

Svariate le casistiche rilevate: dalla richiesta di finanziamento per compravendite immobiliari, con le vittime che talvolta avevano già stipulato compromessi contando su quelle risorse aggiuntive, a istanze presentate per fronteggiare crisi di liquidità familiare, circostanze in cui per pagare l’istruttoria era stato addirittura acceso un ulteriore prestito a monte.

L’indagine delle Fiamme Gialle ravennati, testimonia la costante attenzione svolta dalla Guardia di finanza a contrasto di ogni forma di illegalità posta in essere non solo in danno dell’integrità e del corretto impiego delle risorse pubbliche, ma anche di imprese che operano lealmente sul mercato e dei cittadini.
In merito, occorre comunque evidenziare che il procedimento penale è ancora pendente nella fase delle indagini preliminari e che, per il principio della presunzione di innocenza, le responsabilità penali derivanti dal contesto investigativo descritto saranno definitivamente accertate solo ove intervenga sentenza irrevocabile di condanna.

Pin It
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

ULTIME NOTIZIE BREVI

Spazio disponibilie

“Sulla scia dell’emotività dell’incidente di Firenze il governo ha rispolverato l’annosa questione relativa all’istituzione della…

Prima presentazione del libro di Serena Barsottelli sabato 2 marzo alle ore 17 al coworking smartCO2 in via…

Spazio disponibilie

"Con un avviso le poste di Torre del Lago hanno annunciato la chiusura temporanea dell'ufficio per inagibilità a…

ERSU SpA, in collaborazione con il Comune di Camaiore, comunica che, in occasione della gara ciclistica Tirreno-Adriatico, che…

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

Invitati all'iniziativa anche alcuni studenti del Liceo Artistico Russoli di Pisa, che sono stati coinvolti nei pestaggi delle forze dell'ordine la settimana scorsa, alcuni professori della stessa scuola, e una studentessa universitaria che ha subito suo malgrado l'azione repressiva ingiustificata

Da martedì 27 febbraio fino a venerdì 8 marzo la scuola secondaria “Franca Papi” ospita una mostra su…

Anche i cittadini dell’Unione Europea residenti in Italia potranno esprimere il proprio voto alle prossime elezioni europee fissate per…

Il Burraco è sempre di moda, e quando si sposa a una finalità benefica è ancora più attraente.

Spazio disponibilie

Il Centro di assistenza fiscale Imprese Viareggio sta cercando un candidato o una candidata…

Resterà aperta fino al 31 marzo la form che la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca ha reso disponibile…

Spazio disponibilie

RICERCA NEL SITO

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie