Anno XI 
Giovedì 18 Aprile 2024
  - GIORNALE NON VACCINATO
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

Scritto da Redazione
Politica
02 Marzo 2024

Visite: 226

"Dobbiamo ricordare per non vanificare le condotte di tante persone che hanno sacrificato la vita per difendere i principi non negoziabili sui quali poggia il nostro Stato. Dobbiamo ricordare per riaffermare che, rispetto ai fenomeni criminali, lo Stato non arretra". Con queste parole prese dal discorso del  sottosegretario di Stato dell'Interno Nicola Molteni, Marco Dondolini, consigliere comunale e coordinatore di Fratelli d'Italia Viareggio ha aperto la cerimonia commemorativa che puntualmente ogni anno si tiene in memoria di Emanuele Petri nell'omonima piazza al quartiere migliarina. Il sovrintendente capo della polizia di stato Emanuele Petri perse la vita più di vent'anni fa per mano delle Nuove Brigate Rosse sul treno della tratta Roma - Firenze. Una tragedia che ha portato alla cattura dei terroristi Mario Galesi e Nadia Desdemona Lioce e allo smantellamento dello stesso movimento terroristico. " Ricordare oggi Emanuele Petri non significa solo dare pubblico riconoscimento alle vittime del terrorismo ma anche prevenire il ritorno di quei terribili attentati" ha aggiunto Dondolini, che ha proseguito sottolineando di come ancora oggi ci siano molti segni di reviviscenza di un ideologismo delirante che cerca di sfidare lo stato democratico e i suoi principi, diritti e doveri.
"Esiste un limite assoluto che non deve essere oltrepassato; quello del rispetto e della tollerabilità, che non deve mai mancare nella libera espressione del dissenso e nella libera contestazione. Un limite che non deve mai portare alla violenza. Insieme al sovrintendente Petri, Fratelli d'Italia Viareggio, vuole  omaggiare tutte le vittime in divisa tra cui gli agenti Giovanni Mussi, Armando Femiano e Giuseppe Lombardi caduti sotto i colpi di due ricercati appartenenti al movimento politico Lotta Armata per il Comunismo nella strage di Querceta. La lotta al terrorismo non si può considerare conclusa: le istituzioni devono proseguire sul cammino della verità - conclude Marco Dondolini- e arrivare a fare chiarezza su tante pagine ancora tristi e oscure della nostra storia"
Pin It
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

ULTIME NOTIZIE BREVI

Spazio disponibilie

Grande concerto classico a scopo benefico promosso dalla Fondazione Matteo Caleo domenica 21 aprile alle 17.00 nella…

Un viaggio dentro di sé e un'avventura attraverso il tempo sono la trama di IOP Inferno o Paradiso Albatros…

Spazio disponibilie

Cala il sipario sulla stagione di prosa 23/24 del Teatro Comunale di Pietrasanta "Cesare Galeotti", promossa e organizzata…

A cento anni dalla morte nuove lettere svelano gli eventi più drammatici e segreti della vita di Giacomo…

Spazio disponibilie

Con un incontro organizzato insieme alla scuola "Barsanti" e la successiva deposizione di una corona…

Si comunica che, dalle ore 22:00 di giovedì 18 alle ore 5 di venerdì 19 aprile e comunque…

Il Partito Democratico di Seravezza, all’approssimarsi del 25 Aprile, 79° Anniversario…

Con apposite determine si è dato il via ad una serie di interventi di manutenzione stradale e di…

Spazio disponibilie

Il duo Affinità Elettive nasce nel 2016 dall'incontro tra Sofia Luz cantante laureata al Conservatorio Paganini di…

Oltre duemila le firme raccolte in meno di 10 giorni da cittadini e commercianti del centro…

Spazio disponibilie

RICERCA NEL SITO

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie